CHI SIAMO

8566-o.jpg

Il nostro nome

Siloe è la fontana biblica di Gerusalemme teatro del miracolo di Gesù della "guarigione del cieco nato" (Giovanni 9,1-41). La fontana alimentata da un tunnel sotterraneo costruito nel 700 a.C. dal Re Ezechia, che collegava le acque della fonte di Gihon (l'odierna 'Ain Sittī Maryam) alle falde meridionali di Gerusalemme, ricopriva il ruolo nevralgico di assicurare acqua alla città, e ai suoi abitanti, anche nei periodi più difficili in caso di assedio.

Le nostre origini

Da 12 anni l'Associazione è impegnata nelle campagne di raccolta fondi per il sostegno dei malati e dei loro familiari e in progetti diretti di studio, di ricerca e di prevenzione.

Alcuni professionisti nel 2007, che in prima persona hanno toccato con mano la solidarietà e la malattia, hanno dato vita all'Associazione Siloe, trasformando il loro desiderio di sostenere il reparto di Ematologia dell'ospedale Sandro Pertini di Roma in un vero e proprio progetto di solidarietà che ancora oggi, dopo oltre dieci anni, continua a vivere grazie anche alla generosità dei nostri soci, volontari e amici. 

I nostri obiettivi​

  • Migliorare la qualità di vita del malato e dei suoi familiari.

  • Svolgere ed organizzare attività culturali ed editoriali   per la promozione della salute e del benessere.

  • Dedicare parte delle attività sociali alla diagnosi, alla cura  e alla riabilitazione dei malati indigenti.

  • Promuovere iniziative di carattere culturale ispirate   ad un’antropologia medica basata sul rispetto del valore e della dignità della vita umana.

  • Sostenere l’educazione, la formazione medica e la ricerca   in Italia e nei Paesi in via di Sviluppo